طراحی قالب وردپرس

L'uso del doppiaggio e del sottotitolaggio nell'insegnamento della L2: Il caso della piattaforma ClipFlair


Abstract


Abstract – The purpose of this paper is to present the Clipflair project, a web platform for foreign language learning (FLL) through revoicing and captioning of clips. Using audiovisual material in the language classroom is a common resource for teachers since it introduces variety, provides exposure to nonverbal cultural elements and, most importantly, presents linguistic and cultural aspects of communication in their context. However, teachers using this resource face the difficulty of finding active tasks that will engage learners and discourage passive viewing. ClipFlair proposes working with AV material productively while also motivating learners by getting them to revoice or caption a clip. Revoicing is a term used to refer to (re)recording voice onto a clip, as in dubbing, free commentary, audio description and karaoke singing. The term captioning refers to adding written text to a clip, such as standard subtitles, annotations and intertitles. Clips can be short video or audio files, including documentaries, film scenes, news pieces, animations and songs. ClipFlair develops materials that enable foreign language learners to practice all four standard CEFR skills: writing, speaking, listening and reading. Within the project’s scope, more than 350 ready-made activities, which involve captioning and/or revoicing of clips, has been created. These activities has been created for more than 16 languages including English, Spanish and Italian, but focus is placed on less widely taught languages, namely Estonian, Greek, Romanian and Polish, as well as minority languages, i.e. Basque, Catalan and Irish. Non-European languages, namely Arabic, Chinese, Japanese, Russian and Ukrainian are also included. The platform has three different areas: The Gallery offers the materials and the activities; the Studio area, offers a captioning and revoicing tools, in order to create or practice and learn languages by using the activities; the Social Network area, where the users can find materials – including activities, clips and tutorials – collaborate through groups, send feedback through forums, etc.

 

Keywords: foreign learning language; translation; subtitling; dubbing; video.

 

Riassunto – Lo scopo di questo articolo è quello di presentare il progetto Clipflair, una piattaforma web per l'apprendimento delle lingue straniere (L2) attraverso la risonorizzazione (revoicing) e il sottotitolaggio (captioning) nei filmati. L’uso di materiale audiovisivo nelle aule di lingua è una pratica frequente per gli insegnanti in quanto introduce varietà linguistiche, mostra elementi culturali non verbali e, ciò che è più importante, presenta aspetti linguistici e culturali della comunicazione nel loro contesto. Tuttavia, gli insegnanti che usano gli audiovisivi hanno la difficoltà di trovare attività che permettano un ruolo attivo degli studenti al di là della semplice visione del film. ClipFlair permette di lavorare con materiale audiovisivo in modo produttivo e anche motivante, chiedendo agli studenti di fare il revoicing  o il sottotitolaggio di un filmato. Revoicing è un termine usato per riferirsi alla risonorizzazione di un filmato, come sarebbe il doppiaggio, il libero commento, l’audiodescrizione o il karaoke. Il termine captioning fa riferimento all’inserimento di un testo scritto sul filmato come nel caso dei sottotitoli convenzionali oppure i commenti o gli intertitoli. I filmati possono essere brevi file di video o audio, compresi i documentari, scene di film, notizie, animazioni e canzoni. ClipFlair sviluppa materiali che permettono agli studenti di lingue straniere di mettere in pratica le quattro abilità basilari del QCER: scrivere, parlare, ascoltare e leggere. Nell’ambito del progetto, sono state elaborate più di 350 attività di doppiaggio e/o sottotitolaggio. Queste attività sono state create per più di 16 lingue tra cui l’inglese, lo spagnolo e l’italiano, ma soprattutto ci sono attività finalizzate all'apprendimento delle lingue meno insegnate, cioè estone, greco, rumeno e polacco, o delle lingue minoritarie, vale a dire basco, catalano e irlandese. Inoltre, il progetto comprende anche attività rivolte a lingue non europee come l’arabo, il cinese, il giapponese, il russo e l’ucraino. La piattaforma ha tre aree diverse: la Biblioteca offre i materiali e le attività; l'area Studio offre gli strumenti per sottotitolare e doppiare i filmati per imparare la lingua portando a termine le attività o creandone altre nuove; l'area Social Network è uno spazio dove gli utenti possono trovare i materiali - tra cui attività, filmati e tutorial - collaborare attraverso i gruppi, inviare commenti attraverso i forum, cercare informazioni sul progetto, ecc.

 

Parole chiave: apprendimento della lingua straniera; traduzione; sottotitolaggio; doppiaggio; video.


DOI Code: 10.1285/i22390359v15p277

Keywords: apprendimento della lingua straniera; traduzione; sottotitolaggio; doppiaggio; video

References


Borges Gomes F.W. 2006, O uso de filmes legendados como ferramenta para o desenvolvimento da proficiência oral de aprendizes de língua inglesa, Universidade Estadual do Ceará.

Danan M. 2004, Captioning and Subtitling: Undervalued Language Learning Strategies, in “Meta: Journal des Traducteurs / Meta: Translators’ Journal” 1, pp. 67-77, http://www.erudit.org/revue/meta/2004/v49/n1/009021ar.pdf (21.04.2015).

De Bot K., J. Jagt, H. Janssen, E. Kessels and E. Schils 1986, Foreign television and language maintenance, in “Second Language Research” 2 [1], pp. 72-82.

Findahl O. 1989, Language in the age of satellite television, in “European Journal of Communication” 4, pp. 133-159.

Chun D. and Plass J. 1996, Effects of multimedia annotations on vocabulary acquisition, in “Modern Language Journal” 80 [2], pp. 183-198.

Fountana M and Egarchou D. 2008, LeViS Evaluation Report. Inedito, http://levis.cti.gr (21.05.2015).

Gorovitz S. 2006, Os labirintos da tradução: a legendagem cinematográfica e a construção do imaginário, Editora Universidade de Brasília, Brasília.

Krashen S. and Terrell T. 1983, The natural approach: Language acquisition in the classroom, Newbury House Publishers, Rowley (MA).

Kramsch C. and Andersen R. 1999, Teaching text and context through multimedia, in “Language Learning and Technology” 2 [2], pp. 31-42.

Mendoza L. 2004, The use of video in the foreign language classroom, in “ReLingïística aplicada” 2, Universidad Autónoma Metropolitana, México. http://relinguistica.azc.uam.mx/no002/articulos/02(lucila).htm (21.05.2015).

Mitterer H. and McQueen, J.M. 2009, Foreign subtitles help but native-language subtitles harm foreign speech perception, in “PLoS One”, 4 [11] http://dx.pl os .org/10.1371/jou rn al .pon e .0007785 (21-05-2015).

Paivio A. 1986, Mental Representations, Oxford University Press, New York.

Romero L. 2012, L'uso dei sottotitoli per l'apprendimento delle varietà regionali dell’italiano: un’esperienza didattica con il programma LvS, in “InTRAlinea Special Issue: The Translation of Dialects in Multimedia II”, http://www.intralinea.org/specials/article/1847 (21.05.2015)

Romero L., Torres-Hostench O. and Sokoli S. 2011, La subtitulación al servicio del aprendizaje de lenguas para traductores: el entorno LVS, in “Babel: Revue Internationale de la traduction” 57 [3], pp. 305-323.

Talaván N. 2012, Justificación teórico-práctica del uso delo subtítulos en la enseñanza-aprendizaje de idiomas, in “Trans. Revista de traductología” 16, pp. 23-38.

Vanderplank R. 1988, The value of teletext sub-titling in language learning, in “ELT Journal”, 42, pp. 272-281.

Vanderplank R. 1990, Paying attention to the words: practical and theoretical problems in watching television with uni-lingual subtitles, in “System” 18 [2], pp. 221-233.


Full Text: pdf

Refbacks

  • There are currently no refbacks.


Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.