طراحی قالب وردپرس

A Proposito del toponimo "Zinzinusa", la celebre grotta di Castro in Terra d\'Otranto


Abstract


It
Questo lavoro (confronta anche "Note di Storia e Cultura Salentina", Società di Storia Patria per la Puglia, X-XI, Lecce, Argo, 1998-99) è importante sia per la paziente ricostruzione storico-scientifica attivata, sia per il nobile tentativo di restituire la storia e l’ambiente ai propri valori culturali. Il Perotti all’inizio del XX secolo aveva supposto nei suoi "Appunti di Storia Castrense" che il nome Zinzulusa non indicasse la grotta né che la denominazione del posto derivasse dalle numerose stalattiti appese alla volta della stessa; esso doveva, piuttosto, essere "Zinzinusa", così come pronunciato nella parlata popolare. In effetti, ancora oggi, a Castro il termine "Zinzinusa" sta ad indicare non solo la grotta, ma tutta l’area che attorno ad essa gravita.Su tutto il luogo doveva nel passato abitare sia la pianta di leccio (lizza nel dialetto locale), sia la pianta di giuggiolo, di cui sono rimaste delle deboli tracce. Quest’albero è tipico del Salento (Cifa, Cifara, Scisciula), dell’Arabia (Zufaizaf), del Portogallo (Açofeifa), della Spagna (Azufaifa) e della Grecia (Zizifies o Zinzifies). Inoltre, secondo ultime importantissime testimonianze è proprio anche della regione veneta dove viene indicato come Zinzolo o Zinzula. Zinzulo, Zinzulu o Zinzinu (cioè giuggiolo) è in fine lo stesso che Zinzolo. Inoltre il toponimo Zinzinusa è attestato anche fuori dal feudo di Castro, sulla strada che un tempo collegava la città con il pagus di Nociglia. In prossimità di questo abitato vi era il "Casino Zinzolosa", Zinzinusa nella parlata dialettale, distrutto in parte negli anni 1975/76 per interventi di edilizia economica e popolare. I terreni che circuivano questo agglomerato, indicati come Zinzinusa, registrano ancora la caratteristica presenza del giuggiolo.
En
This work ( to compare with "Note di Storia a Cultura Salentina", Società di Storia Patria per la Puglia, X–XI, Lecce, A rgo, 1998-99) is very important both for the patient historical and scientific reconstruction and for the noble attempt to restore to history and environment their own cultural values.At the beginning of the XX century, Perotti supposed, in his "Appunti di Storia Castrense", the name Zinzulusa didn’t refer to the cave nor the name of that place should derive from the presence of numerous stalactites on its vault; on the contrary, the name should be "Zinzinusa", so called in the local dialect. Nowadays, in Castro, the word "Zinzinusa" refers not only to the cave but also to the whole area around it. In the ancient times, on the whole area should grow the ilex ("Lizza" in the local dialect) and the jujube of which we only have few traces. This is a typical tree of the Salento zone (Cifa, Cifara, Scisciula), of the Arabian peninsula (Zufaizaf), of Portugal (Acofeifa) of Spain (Azufaifa) and Greece (Zizifies or Zinzifies). Moreover, according to the latest important researches, this tree grows in the Venetian region where it is called Zinzolo or Zinzula.Zinzulo, Zinzulu or Zinzinu (i.e. the jujube tree) is at least the same as Zinzolo. The toponym "Zinzinusa" can be also met out of the feud of Castro, on the ancient road that, long ago, connected Castro with the pagus of Nociglia.Nearby there was the "Casino Zinzolosa", "Zinzinusa" in the local dialect, partly destroyed in the years 1975/76 because of town planning operations. In the lands around this agglomerate, called "Zinzinusa" still survive the characteristic presence of the jujube tree.

DOI Code: 10.1285/i15910725v26supp107

Full Text: PDF


Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.